venerdì 21 novembre 2008

Sempre sulle corde ........

Tra tutte le tipologie di corde offerte, non avevo mai provato le silk&steel. Vuoi per la scalatura (ma oggi si trovano in tutte le scalature) o perchè tra amici chitarromani non se ne parla mai, non mi era mai venuta la tentazione.
Poi un post sul forum OFC mi ha fatto accendere la lampadina. Si parlava di queste corde montate sulle Ovation Adamas textured con ottimi risultati. Possedendo un'Adamas II textured, le ho comprate, montate ..... e devo dire sono rimasto molto impressionato.
Ho deciso così di dotarmi di un po' di queste corde "bianche" (le wound sono argentate ma non in tutte le versioni).
Ho comprato :













- silk&steel Martin M130, scalatura 0115/047
- Silk&steel LaBella 710L, scalatur
a 011/051
- PhoBro and Silk 610LM J.Pearse, scalatura 012/053
- Silk&steel Ernie Ball extra soft bronze, scalatura 010/050

Mi mancano le Adamas 4848 silk&steel, scalatura 011/051 che non si trovano facilmente (aaaaaahhhrgg !!).

Per ora le ho provate solo sull'Adamas (tavola textured in fibra di carbonio). Il colore bianco non si addice proprio alla finitura della chitarra ma queste corde sono morbide al tatto, scorrono sotto le dita senza far rumore e si addicono proprio al fingerpicking. Secondo me sono ganze e credo che daranno grande soddisfazione anche sulle altre chitarre con tavola in legno. Vi farò sapere !


domenica 9 novembre 2008

Adamas strings ......




































































Com
e quasi ogni costruttore che si rispetti, anche in casa Ovation fu deciso di lanciare una linea di articoli a supporto del musicista; custodie, copri-custodie, plettri, straps, stands, polish e così via. Visto l'enorme successo delle chitarre, fu deciso di produrre anche delle corde adeguate. Nacquero così le corde Ovation e pochi anni dopo le corde Adamas.
Mentre le prime qui in Italia non si trovano (e anche negli USA non è facile), le Adamas sono (quasi ) disponibili. Non facilissime da trovare, ma si trovano.
Ovviamente possedendo una Adamas è quasi d'obbligo montare queste corde. Di particolare hanno il "composite gauging" ovvero il diametro dell'avvolgimento (lega bronzo op. fos/bronzo) identico al diametro del cuore (acciaio). E' probabile che questa soluzione sia oggi adottata anche da altre marche, che utilizzano ad esempio l'anima tonda invece che esagonale, ma non indicano se i diametri di anima e avvolgimento si sposano, come nelle Adamas. Clickando qui, troverete la filosofia che c'è dietro alla nascita di queste spettacolari corde.
Sono disponibili in tutte le scalature, bronzo, fosforo/bronzo e silk&steel che, secondo me, sono eccezionali per chi fa fingerpicking. Da provare

domenica 2 novembre 2008

Rosette .........








































































Dal 1966 al 1971 le Ovation presentavano rosette intarsiate nella tavola come la maggior parte delle chitarre concorrenti: si differenziavano per un bel disegno floreale, ed erano più "importanti" ed enfatizzate il che rendeva queste chitarre immediatamente riconoscibili.
Sicuramente per motivi di produzione e di costi le rosette intarsiate ( inlayed ) furono sostituite da quelle in rilievo ( overlayed ), le quali hanno accompagnato le Ovation sino ad oggi. Si possono ancora trovare su modelli della produzione USA. Nel 2004, con l'introduzione della serie LX, Ovation è tornata agli albori, reintroducendo le rosette intarsiate. Che dire? Io personalmente do la mia preferenza alla rosetta in rilievo, che, se anche dotata di minor valore artigianale, per così dire, rende la chitarra Ovation immediatamente riconoscibile rispetto alle altre sulla piazza. Quanto detto, è chiaro, è relativo ai modelli con buca centrale ( sound hole ): infatti Ovation commercializza anche i modelli Elite, o anche Celebrity Deluxe, nelle quali una serie di fori nella parte superiore ed inferiore della chitarra ( sound port ), esteticamente riuniti in disegni vegetali, o, nei modelli più "aggressivi" lasciate in forma di bolle od occhielli, é adibita all'uscita del suono.
Questi fori, di solito 22 (sulle chitarre non cataway), hanno in totale la stessa area del foro centrale e, se opportunamente chiusi da appositi "tappi" in gomma (airlocks), utili al controllo del feedback, danno anche un risultato sonoro diverso da quello tradizionale ( è chiaro, devono essere chiusi solo quelli nella parte bassa! ) enfatizzando l'emissione dei bassi.





glitter 2

mappa